Archivio mensile:Giugno 2015

Oneiric Material -_- O. M. -_- il mio secondo album

Oneiric Material

Schermata 2015-05-30 alle 13.32.21Ecco cosa stanno a significare la 'o' e la 'm' puntate, come titolo dell'album.
E adesso spero di poter premiare la vostra, forse senza quasi più speranze, attesa per quest'album.
Al momento in cui scrivo il post non ho la minima idea su come cominciare...

Allora, prendendola un po' alla larga, intanto, come predetto, l'uscita di O. M. [Oneiric Material] annulla la Proposta per blogger che avevo fatto tempo fa,e cosa più importante, vi annuncio che da pochi giorni la mia P.R.O. per quanto riguarda i diritti d'autore, è l'americana BMI.

Adesso invece, torniamo all'album, altrimenti potrei andare fuori tema, il che non è che mi dispiace molto ma poi con la SEO del post devo farci i conti io... E quindi iniziamo col dire che i brani sono 14

  • L'album si apre con una classica atmosfera alla "mall" [per farvi un'idea, leggete centro commerciale] con la traccia intitolata semisleep [leggete dormiveglia].
  • La seconda traccia è una canzone dall'atmosfera rock. Embrionicamente parlando era senza testo, e nel programma la siglai con giallo70 per via del riff dell'elettrica, che poi però rinominai "chasing cars" perché era quella l'idea che il riff e la struttura del brano mi trasmettevano... Ma un brano così, a meno di non venire piazzato in un film noir anni 70 e obbligatoriamente in b/n che fa molto "ai confini della realtà", sentivo come se gli mancasse la parola... E così un giorno, cercando di metterci una melodia sopra, cominciai a cantarci sopra "clear night, here's the spring" e da lì non ci volle poi molto a diventare clear night
  • la terza traccia è un brano strumentale dal titolo: fluctuating waves. Che ha sempre mantenuto lo stesso titolo.
  • La quarta traccia. Pensavo di non poterla fare. Ma siccome è di Pubblico Dominio, ecco a voi a dream within a dream. Una poesia, a mio avviso, fra le migliori di Edgar Allan Poe. E tanto mi è piaciuto scoprirla in rete e leggerla, così da farle indossare la mia musica e cantarla...
  • La quinta traccia è intitolata Zoe's dance. In quanto le immagini o il film mentale che percepivo suonandola e poi riascoltandola erano di una ragazza che balla sola nella sua stanza, inventando passi nuovi senza badare ad errori anzi ad accettarli e a sorriderne e comunque continuare la sua danza...
  • La sesta traccia evoca atmosfere elettroniche, cyberpunk, androidi in giro per la città, momenti indeterminati nel tempo e desideri dai quali sbarazzarsi [ma è più l'idea di lanciarli nel cosmo, nell'universo]... il titolo è un mio componimento: just over half-moon in the sky. La voce recitante è presa via web vediamo se indovinate 😉
  • La settima traccia s'intitola: "counter clockwise". Per questa traccia, basta tradurre il titolo per sapere cosa vuol suggerire...
  • L'ottava traccia è una specie di isola o piazza e s'intitola: inventors of tales. Una specie di fiaba sui sogni...
  • La nona traccia: the man who loves to write dreams. O anche la definizione datami da un amico a proposito di me quando scrivo, perché a volte se mi scappa di scrivere, scrivo pure in mezzo alla strada o in qualche bar. Ma anche, ricordo che quando composi e suonai il brano stavo leggendo "La fine del mondo e il paese delle meraviglie" di H. Murakami... E tutto il brano l'ho suonato pensando all'atmosfera del libro. Nel libro c'è anche un personaggio che una volta entrato in una sorta di mondo parallelo, gli viene affibbiato il lavoro di scrivere i sogni degli unicorni. Probabilmente una coincidenza con la definizione menzionata poco fa...
  • la decima traccia dal titolo "The lightnings run"  il cui testo è una mia poesia astratta, l'avevo pensata per cantarla in italiano, ma il risultato è stato che a sentirla in italiano non mi sembrava quasi neanche più mia...
  • l'undicesima traccia è intitolata r.e.m. ed è proprio una fase del sonno umano. La fase rem per l'appunto.
  • la dodicesima traccia s'intitola dark lullaby ed è una canzone autobiografica... Una particolarità su questa song è che il testo devo averlo scritto nel futuro... 😉
  • La tredicesima traccia è "rose of the winds", la rosa dei venti che devo aver visto in qualche sogno o più...
  • La quattordicesima traccia è intitolata: oneiric ballad, un notturno, un assolo di sax che sottolinea i punti salienti del carattere del tema che va in breve a riprendere e alla fine, invece di finire si  trasforma in una breve e onirica ballata... Che porta...

Come per eleven anche in questo album ho fatto tutto da me... eccetto per il testo di Dream Within a Dream che, come già detto è una poesia di Pubblico Dominio di Edgar Allan Poe 
E adesso non mi resta che augurarvi Buon Ascolto !!!

seeking for drummer and bass-player in Rome to start up a band. contact me AT