un anno fa… scrivevo…

diario 2012822

#1

e poi a volte ci si trova in posti che il tempo stesso si dimentica di continuare a scorrere, o a farlo in maniera regolare.
e con tutte le variabili del caso, le varianti delle circostanze,
ti sembra di essere sulla banchina ad ascoltare il motore dell'ultima nave del giorno in partenza.
e ci si può trovare a scrivere, mentre l'estate scema alle porte del campionato di calcio, neanche fosse un diritto e insieme un dovere.
mentre gli alberi si fanno un tutt'uno con la loro stessa ombra.
mentre più lontano si possono ancora vedere i bagliori del tramonto. lo stesso tramonto che dall'altra parte del mondo stanno chiamando alba ed è già il giorno dopo...

//

diario 2012823

#2

il giorno dopo sembra quasi essere lo stesso ieri
uno ieri un po' più particolareggiato. in parte dal frastuono che può scaturire da una dopotutto allegra famigliola che sembra prendere proprietà di metà dell'androne di fuori. in parte dal camminare lentamente sul percorso dei sedentari.
fino allo sguardo nel vuoto della condannata ad andare a prendere i caffè, nessuno dei 2 è per lei, ma anime come questa possono prenderselo anche direttamente lì alla macchinetta. però, fortunata anche, senza anello.
e il giorno dopo sembra essere l'estensione dello stesso ieri;
qualcosa in meno, qualcosa in più, negli stessi precisi istanti

...

è già difficile trovare un posto dove leggere un libro,
figurati per scrivere.
e scrivere che cosa
se non gli immensi colori di una manciata di immagini,
magari in attesa che finiscano
le stridenti voci di fine estate
tanto, giusto il tempo che ricomincino le partite
con conseguente nausea di infinità di trasmissioni con calciologhi che spuntano fuori come i funghi.
nell'attesa della normalità.
di ritirare fuori le felpe, ma c'è ancora tempo.
probabilmente pioverà, per rinfrescare un po',
stavolta per davvero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.